Gli artigiani della Casa del Rame ormai conoscono tutti segreti della battitura delle opere artigianali. I tavoli in ferro battuto, oltre che essere stilisticamente belli, sono anche forti e a prova di ruggine. Il primo acciaio scoperto in natura è sicuramente il ferro battuto, ottenuto molto probabilmente in maniera del tutto casuale salvo poi scoprire che ad altissime temperature era facilmente lavorabile per poi farlo raffreddare subito in acqua per farlo indurire.

Quella del fabbro nei secoli era un lavoro che veniva assimilato un po’ a quello dello stregone, vista anche la capacità di piegare a suo piacimento con pochi arnesi un elemento così riluttante. Grazie a questo lavoro che oggi nel laboratorio della casa del rame vengono prodotti svariati oggetti che arrivano dal lavoro artigianale come i tavoli in ferro battuto.

Quello che viene fuori dalla fucina sono tavoli multiforma che possono essere forgiati su misura a seconda delle esigenze. La mitologia greca aveva affidato a Efeso, dio del fuoco, l’arte della forgiatura di metalli così particolari, il primo artigiano è stato proprio lui.

Il ferro battuto è un acciaio dolce perchè nei primi dell’800 veniva utilizzato a basso contenuto di carbonio, oggi il contenuto è raddoppiato e di conseguenza la fatica per lavorarlo. Prima di iniziare la forgiatura, il tondino di ferro da battere deve essere portato ad una temperatura compresa tra i 700 e i 1.000 gradi. A temperature più basse il ferro rischia di creparsi durante la martellatura, mentre se la temperatura è più alta tende ad iniziare la fusione.

Forgiarlo e dargli una forma non è per niente facile,  dalla sua lavorazione vengono fuori delle vere e proprie opere d’arte che possono essere inserite in qualsiasi genere di arredamento, tavoli, letti e fioriere in ferro battuto sono solo un esempio pratico. E’ un genere di lavoro complesso dal quale non si finisce mai d’imparare.

Perché Scegliere Noi?

Le tecniche antiche sposano il moderno mercato per produrre sempre nuovi oggetti per la casa e per l’arredo.

Contattaci